Sociologia della devianza e del mutamento sociale

Obiettivi del corso

L’insegnamento si propone di offrire la possibilità di conoscere ed orientarsi criticamente nel panorama delle diverse definizioni di devianza e crimine, dei fenomeni sociali che sono oggetto della disciplina, dei paradigmi interpretativi e delle
spiegazioni sociologiche sulle cause di tali fenomeni e comportamenti sociali. L’insegnamento si propone inoltre di introdurre lo studente alle principali tematiche della sociologia della devianza, con particolare riferimento ad alcune aree di
intervento dell’assistente sociale.

Prerequisiti

Per accedere all’insegnamento lo studente deve avere maturato conoscenze di base nel campo delle discipline sociologiche.

Contenuti del corso

Definizioni e teorie della devianza; Il Suicidio; Le sostanze legali e illegali; La prostituzione; I reati contro il patrimonio; La criminalità violenta; La criminalità economica; Il sistema penale.

Modalità Esame

Esame orale: colloquio relativo agli argomenti trattati durante l’insegnamento, alle lezioni e agli approfonditi sui testi consigliati.

Criteri di valutazione

La conoscenza e la capacità di comprensione, la capacità di applicare conoscenza, l’autonomia di giudizio, ovvero la capacità di senso critico e formulazione di giudizi, la capacità di comunicazione.

Risultati d'apprendimento attesi

Conoscenza e capacità di comprensione
Lo studente dovrà dimostrare di possedere una buona conoscenza dei concetti di base della disciplina, dei metodi di ricerca, dei modelli di spiegazione dei fenomeni e della loro influenza sulle politiche di controllo.
Dovrà inoltre saper riflettere e discutere in maniera critica sui problemi e gli orientamenti di tali politiche nel contesto delle società
contemporanee, con particolare riferimento al ruolo ed al funzionamento delle istituzioni penitenziarie.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Italiano: Essere in grado di orientarsi criticamente tra i diversi modelli teorici interpretativi illustrati e discussi e applicarli a specifici casi di devianza proposti nel corso.
Dovranno inoltre acquisire consapevolezza sulle implicazioni di tali diversi
modelli per gli orientamenti delle politiche e per gli interventi dei professionisti che operano nei servizi e nelle istituzioni.

Autonomia di giudizio
essere in condizione di interpretare i discorsi di “senso comune” sui fenomeni devianti, la loro influenza sul discorso pubblico e sulle scelte politiche, acquisendo una autonomia di giudizio e valutazione di fronte a situazioni e a comportamenti posti in essere da individui e gruppi, in modo da saper orientare il proprio agire professionale (in particolare
nel caso specifico della professione dell’assistente sociale).

Abilità comunicative
Capacità di comunicare efficacemente in forma scritta e/o orale; capacità di organizzarsi in gruppi di lavoro nell’analisi e nell’elaborazione di progetti di intervento e di problem solving; capacità di comunicare efficacemente nelle attività di simulazione; capacità di comunicare in maniera chiara, sintetica ed efficace nell’esposizione rivolta a specialisti e non specialisti.

Capacità di apprendimento
La capacità di apprendimento sarà valorizzata e monitorata nel corso della didattica frontale, dell’attività seminariale, delle esercitazioni organizzate con il contributo attivo e originale degli studenti.

Attività di apprendimento previste e metodologie di insegnamento

L’insegnamento è organizzato come segue: lezioni frontali in aula dedicate all’esposizione e alla discussione di tutti i principali argomenti e temi della disciplina.
Saranno anche previste occasioni di discussione e valutazione critica collettiva di alcuni contributi di ricerca e su temi di attualità.

Materiali di studio

Video, slides, libri.

 

Testi d'esame

1.M. Barzagli, A. Colombo, E. Savona, Sociologia della devianza, Il Mulino.
2. Materiale didattico fornito dal docente / Teaching material provided by the lecturer.

 

Didattica Innovativa

Durante l’insegnamento si utilizzerà il metodo della didattica interattiva per promuovere la riflessione critica sui temi della devianza, alcuni momenti della lezione saranno dedicati alla discussione tra gli studenti e il docente.

Terza missione

Si ritengono pertinenti all’insegnamento i seguenti obiettivi indicati dall’agenda 2030: Istruzione di qualità; Ridurre le diseguaglianze; Pace Giustizia e istituzioni forti. Verranno a tal proposito proposti alcuni momenti seminariali dedicati alle tematiche della devianza e brainstorming interattivi.

Nel corso dell’insegnamento verranno proposti seminari didattici multidisciplinari tenuti da alcuni attori sociali che hanno lavorato sia nel settore carcerario sia nel settore psicologico, nel tentativo di conoscere e prevenire e curare le forme di devianza più frequenti nel nostro contesto sociale.

Archivio Materiale Didattico