Glottologia e linguistica

Obiettivi del corso

Fornire le nozioni fondamentali di pragmatica della comunicazione parlata, in particolare riguardo alle differenze culturali e linguistiche nella gestione degli scambi comunicativi, allo scopo di evidenziarne l’importanza nei contesti di interpretariato e mediazione.

Prerequisiti

Buona conoscenza di almeno due lingue straniere.
Buona conoscenza delle nozioni di base di linguistica generale.

Contenuti del corso

Modulo A:
Pragmatica e interculturalità: origini e definizioni della pragmatica; atti linguistici; massime conversazionali; ambiguità, deissi e linguaggio figurato; cortesia.

Modulo B:
Grammatica e parlato; il dialogo come sistema multimodale; semantica e sintassi del parlato.

Modulo C:
Il ruolo della gestualità nei contesti di interpretazione e mediazione culturale

Modalità Esame

Gli studenti potranno scegliere una delle seguenti modalità d’esame:
1. prova in itinere scritta sul Modulo A, più o meno a un terzo del corso; esame orale finale sui Moduli B e C.
2. Esame orale finale su tutti i moduli.

Criteri di valutazione

Padronanza delle nozioni fondamentali di pragmatica e dello studio del linguaggio parlato, con particolare attenzione alla multimodalità del linguaggio in relazione all’interpretazione e/o alla mediazione linguistica e interculturale.

Risultati d'apprendimento attesi

Conoscenza e capacità di comprensione
Conoscenza dei fondamenti della pragmatica; conoscenza delle principali caratteristiche della comunicazione parlata; conoscenza delle fondamentali caratteristiche del gesto e delle sue funzioni e delle sue funzioni in lingue e culture diverse.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Capacità di tenere conto delle regole pragmatiche in contesti di interpretariato e di mediazione; capacità di riconoscere le componenti non verbali della comunicazione parlata e di usarle in modo appropriato in contesti di interpretariato e di mediazione.

Autonomia di giudizio
Capacità di valutare in maniera critica le conoscenze acquisite.

Abilità comunicative
Capacità di comunicare efficacemente in forma orale sulle tematiche trattate durante il corso e di applicare quanto appreso al miglioramento delle tecniche di interpretazione.

Capacità di apprendimento
Capacità di studiare in modo autonomo

Attività di apprendimento previste e metodologie di insegnamento

Lezione frontale e interattiva.

Materiali di studio

Presentazioni PowerPoint; dispense; indicazioni su fonti e risorse per approfondire i temi trattati in relazione alle lingue di studio.

Testi d'esame

1. Bianchi, C. (2003), Pragmatica del linguaggio. Editori Laterza, Roma-Bari (Cap. 1-3).
2. Voghera, M. (2017), Dal parlato alla grammatica. Costruzione e forma dei testi spontanei. Carocci Editore, Roma (cap. 1-7).
3. Campisi, E. (2018), Che cos’è la gestualità. Carocci Editore, Roma (cap. 1, 2, 4).

Didattica Innovativa

Oltre alla tradizionale lezione frontale, le lezioni saranno organizzate in modo da favorire il cosiddetto ‘apprendimento cooperativo’ (Brainstorming interattivo, gruppi di lavoro, discussioni plenarie).

Terza missione

Promuovere l’uguaglianza di genere e la riduzione delle disuguaglianze nei contesti di interpretariato e mediazione culturale.

Tutelare e promuovere la salute attraverso approfondimenti e casi di studio specifici legati alla comunicazione in ambito sanitario.

Archivio Materiale Didattico